Lascia un commento

INDENNITA’ SUPPLETIVA DI CLIENTELA

L’indennità suppletiva di clientela presenta i seguenti caratteri fondanti:

–        Spetta se il rapporto di agenzia si risolve per un fatto non imputabile all’agente. Se il rapporto è in corso da almeno un anno, non si considera imputabile all’agente il recesso dovuto ad invalidità permanente e totale o successivo al conseguimento della pensione di vecchiaia Enasarco

–        Attiene al contratto a tempo indeterminato e, in forza dell’A.E.C. settore commercio 16.2,2009, anche al contratto a tempo determinato indipendentemente dall’avvenuta proroga o rinnovo dello stesso

–        Spetta anche mancano i presupposti di cui all’art. 1751 c.c (apporto di nuovi clienti o incremento degli affari con quelli esistenti, permanere degli apporti dopo la cessazione del rapporto, equità)

–        Si computa sull’ammontare globale delle provvigioni corrisposte o comunque dovute fino alla cessazione del rapporto. Nello specifico l’A.E.C. industria vi ricomprende anche le “altre somme” mentre l’A.E.C. commercio parla di “ somme a titolo di rimborso o concorso spese o di premio”

–        Si calcola  nella misura del 3% sulle provvigioni maturate nei primi tre anni di durata del rapporto di agenzia, nella misura del 3,50% dal quarto al sesto anno e nella misura del 4% per gli anni successivi

–        Spetta agli eredi in caso di morte dell’agente

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: